La fiscalità della crisi d’impresa

Transazione fiscale

L’istituto della transazione fiscale è stato introdotto nell’ordinamento allo scopo di consentire all’Amministrazione finanziaria di recuperare i crediti tributari vantati verso imprese che versano in uno stato di crisi, per gli importi, nelle forme e con le modalità che più efficacemente ne assicurano il miglior soddisfacimento rispetto alle alternative possibili; attraverso di esso viene inoltre perseguito l’obiettivo di scongiurare la disgregazione dell’impresa debitrice e l’impoverimento degli stakeholder della stessa, evitando così che ne derivino ulteriori oneri per la collettività, sotto forma di minori entrate future a titolo di imposte e di maggiori spese sociali.

La transazione fiscale produce quindi la falcidia e la dilazione di pagamento dei crediti tributari, relativi a imposte, sanzioni e interessi, iscritti e non iscritti a ruolo, certi e contestati, in misure variabili a seconda della gravità della crisi in cui si trova l’impresa debitrice: in alcuni casi sono state convenute dilazioni di pagamento ultraventennali e in altri solo quinquennali, in alcuni casi falcidie del 70% e in altri solo del 20%.

Il perfezionamento di una transazione fiscale comporta l’esame di un’ampia serie di temi, spesso controversi, alcuni dei quali attengono più propriamente al campo del diritto tributario e altri sconfinano in quello del diritto fallimentare e dell’economia aziendale. 

Si tratta di temi complessi, che recentemente si sono arricchiti di quelli introdotti dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza e dal relativo Decreto correttivo 26 ottobre 2020, n. 147, dalle disposizioni della Legge 27 novembre 2020, n. 159, dai principi di attestazione dei piani di risanamento approvati dal CNDCEC il 16 dicembre 2020 e dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 34 del 29 dicembre 2020.

Altri temi di fiscalità della crisi d'impresa

I temi fiscali connessi alla crisi d’impresa non sono peraltro costituiti solo dalla disciplina della transazione fiscale, assumendo in tale contesto un peso significativo anche il regime delle sopravvenienze attive da esdebitamento, in particolare in presenza di perdite fiscali pregresse e del regime di consolidato fiscale, il regime delle plusvalenze realizzate nelle diverse procedure concorsuali, il regime della conversione dei debiti in capitale e in strumenti finanziari partecipativi, quello del credito di rivalsa dell’IVA e delle note di variazione IVA conseguenti al mancato realizzo dei loro crediti da parte dei creditori delle imprese in crisi. Anche su queste controverse tematiche lo Studio ha acquisito un’ampia e consolidata conoscenza ed esperienza, sia nella fase di consulenza delle imprese sia in quella della loro difesa dinanzi ai giudici tributari.

Transazione contributiva

L’istituto della transazione contributiva assolve, con riguardo ai crediti di cui sono titolari gli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie (principalmente quindi l’Inps e l'Inail), una funzione del tutto analoga a quella svolta, relativamente ai crediti tributari, dalla transazione fiscale.

È anch’esso disciplinato dall’art. 182-ter della legge fallimentare, ma il suo regime è stato profondamente riformato dalla Legge 27 novembre 2020, n. 159, che ha abrogato l’articolo della L e quindi il Decreto interministeriale 4 agosto 2009, che per oltre dieci anni ha limitato i benefici conseguibili mediante la transazione contributiva sia in termini di riduzione degli importi dovuti sia in termini di dilazione di pagamento degli importi oggetto della transazione, prevedendo rigidi e restrittivi criteri di accoglimento delle proposte di transazione contributiva.

Conseguentemente anche i debiti previdenziali e assicurativi possono ora beneficiare di trattamento simili a quelli generalmente previsti per i crediti tributari e dunque di falcidie e dilazioni commisurate alla situazione patrimoniale e finanziaria delle imprese debitrici.

L'esperienza PwC TLS nella fiscalità della crisi d'impresa

PwC TLS ha costituito un team di professionisti specializzati nella fiscalità della crisi d’impresa, che hanno curato oltre cento transazioni fiscali e contributive, tra cui varie delle più importanti e complesse transazioni attuate nel nostro Paese negli ultimi quindici anni.

Contact us

Giulio Andreani

Of counsel, PwC TLS

Tel: +39 344 2920136

Follow us